Prima Pagina | Comunicati stampa | Giovani, alcolismo, educazione: riflessione seria non propaganda sterile

Giovani, alcolismo, educazione: riflessione seria non propaganda sterile

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Giovani, alcolismo, educazione: riflessione seria non propaganda sterile

 

 

Il problema dei comportamenti individuali e collettivi dei nostri giovani non può essere affrontato con la solita, ripetitiva e, a questo punto, noiosa baruffa. Probabilmente se la pubblicazione delle varie prese di posizione richiedesse un pagamento, tanto di quello che viene messo in giro ci verrebbe risparmiato, perché l'impressione è che “scrivo perché non mi costa nulla e l'anonimato mi permette di tirare il sasso e nascondere la mano” che infine è simile a chi va a fare una rissa a volto coperto. Come esempio di comportamento non è male!

Il modo di comportarsi non è innato, si acquisisce fin dalla nascita, giorno dopo giorno,  più per imitazione che con i discorsi e questo deve farci riflettere; forse non siamo dei buoni modelli. Se a questo aggiungiamo che, nonostante tutte le misure repressive che vengono messe in atto, il vandalismo, l'abuso sistematico, specie il fine settimane, di sostanze varie non diminuiscono, vuol dire che nulla del sistema prevenzione-repressione funziona a dovere.

Quello che, a nostro avviso, è carente a tutti i livelli – famiglia, scuola, attività nel tempo libero, partiti politici ecc – è il concetto di “legalità”  ovvero di “quello che è lecito fare, quello che è illecito, ma si può fare, pagandone le conseguenze”. E far pagare il fio ad un nostro giovane per un atto illecito, anche in famiglia, è spesso doloroso e difficile, è molto più facile far finta di non vedere o, ancora peggio, giustificare l'atto e  delegare le responsabilità a “qualcun altro”. Essere giovani al giorno d'oggi è impresa ardua ma, probabilmente lo ancora di più essere adulti, ovvero essere di buon esempio.

Non bastano le telecamere, il richiamo alla scuola e alle associazioni: per una corretta educazione è necessario che ogni adulto si comporti da tale.

Come tutte le cose, anche l'attività di “Agnese con noi” può essere migliorata, ma non può essere accusata di “induzione al consumo di alcoolici”; piuttosto riflettiamo sul messaggio che passa su tutti i media “chi guida non beva” cioé “se non guidi puoi bere quanto vuoi”.....questo non è induzione al consumo di bevande alcooliche?

 

Sinistra Ecologia e Libertà del Casentino

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0