Prima Pagina | Puntodivista | Si apre una speranza nuova per i trasporti ferroviari degli aretini

Si apre una speranza nuova per i trasporti ferroviari degli aretini

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Si apre una speranza nuova per i trasporti ferroviari degli aretini

 

Questa notte la compagnia che gestisce i treni “Italo” capeggiata da Montezemolo, passa agli americani del fondo Global Infrastructure Partners per quasi due miliardi di euro oltre i debiti. Il rilancio da 80 milioni di euro, arrivato ieri in serata, ha convinto gli azionisti della società ferroviaria ad accettare la proposta del più grande fondo infrastrutturale del mondo. La cessione riguarda il 100% del capitale azionario.  

Non è difficile immaginare che assisteremo ad un radicale cambio di mentalità, che sposterà l’attenzione degli americani dalla gara sulla velocità alla generazione del profitto. La strategia infatti che possiamo dedurre osservando quanto fatto negli altri paesi dove Global Infrastructure Partners gestisce reti di trasporti, è di massimizzare il numero dei clienti intercettabili al fine di aumentare gli utili.

La speranza è che la nostra amministrazione locale sappia cogliere l’opportunità che questo cambio di proprietà potrebbe generare, agevolando per quanto possibile, l’abbattimento delle barriere infrastrutturali che hanno impedito fino ad oggi la fermata dei rossi treni di Montezemolo.  Ma non solo: l’ingresso di una società potente e dotata di mezzi finanziari ingenti, potrebbe generare un incremento della concorrenza nel sistema dei trasporti ferroviari, ponendo di fronte a Trenitalia non piu’ una sempre sofferente NTV (Italo), ma un rivale agguerrito, efficiente ed economicamente imbattibile.

Un passo in direzione della fine del monopolio sostanziale di Trenitalia e di questo non possiamo che rallegrarci.

Ci auguriamo solo che le nostre non sia speranze mal riposte. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0