Prima Pagina | Puntodivista | Fermiamoli ora! Non aspettiamo di veder falcidiare " la meglio gioventù "

Fermiamoli ora! Non aspettiamo di veder falcidiare " la meglio gioventù "

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Per chi non ha dimenticato. Per chi ha ancora negli occhi quelle scene. Per chi porta dentro le cicatrici di quegli anni. Per gli amici persi. Per la famiglie massacrate. Per chi ha vissuto quell'inferno.. Fermiamoli adesso! Per chi non ha dimenticato. Per chi ha ancora negli occhi quelle scene. Per chi porta dentro le cicatrici di quegli anni. Per gli amici persi. Per la famiglie massacrate. Per chi ha vissuto quell'inferno.. Fermiamoli adesso!

Ritrovare una siringa usata nel chiosco dei libri non è un fatto di costume, da raccontare come una delle tante forma di degrado, ma il segnale di una tragedia imminente. Il ritorno dell'eroina non può che ricordarci anche la relazione depositata a fine giugno dall'antimafia al Parlamento: legalizzate la cannabis, le risorse servono per contrastare altri tipi di droghe, più letali e che forniscono al crimine organizzato fiumi di denaro.

I narcotrafficanti, le mafie nostrane, la criminalità organizzata, le cosche, stanno reintroducendo l’eroina a prezzi da saldo: 5 euro il grammo. La droga che ha falcidiato intere generazioni (ancora piango gli amici morti) rischia di diventare la nuova regina del mercato. Costa molto meno di prima. Molto meno della cocaina. E i consumatori a rischio sono i giovanissimi.

I prezzi sono bassissimi, per invogliare l’acquisto e generare dipendenze, ma come tutti coloro che hanno vissuto quella stagione di morte ricorderanno, non appena le tossicodipendenze si diffusero su larga scala, i prezzi si impennarono. Sembrava una storia dimenticata, relegata ai sopravvissuti, i consumatori di metadone, quelli in fila davanti ai sert. Non è così. Non più. Adesso sono i nostri giovanissimi ad altissimo rischio, con tutte le conseguenze del caso!

I giovani nati intorno all’anno 2000, della tragedia dell’Hiv non hanno praticamente mai sentito parlare, non hanno mai visto i loro amici scomparire per una overdose, mentre hanno sviluppato il “mito di un ritorno al passato", alle sensazioni degli anni 70 e 80, della generazione “trainspotting”, nel mito di Cristiana F e i ragazzi dello zoo di Berlino. 

Il ritorno dell'eroina non può che ricordarci anche la relazione depositata a fine giugno dall'antimafia al Parlamento: legalizzate la cannabis, le risorse servono per contrastare altri tipi di droghe, più letali e che forniscono al crimine organizzato fiumi di denaro.

Mentre le nostre forze dell'ordine si dannano per estirpare qualche pianta di Marja, le cosche stanno imponendo la morte attraverso la droga iniettata in vena.

Proprio per questo il ritorno prepotente di quella droga sul mercato non può che suscitare inquietudine, soprattutto per chi non ha dimenticato. Per chi ha ancora negli occhi quelle scene. Per chi porta dentro le cicatrici di quegli anni. Per gli amici persi. Per la famiglie massacrate. Per chi ha vissuto quell'inferno.

Fermiamoli. Adesso! L'eroina ha devastato la mia generazione. Non lasciamo che la storia si ripeta con i nostri figli! 
Fermiamoli ora!

 

(Repetita iuvant)

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0