Prima Pagina | Lettere | No Sindaco Ghinelli! Lei non mi rappresenta.

No Sindaco Ghinelli! Lei non mi rappresenta.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
No Sindaco Ghinelli! Lei non mi rappresenta.

Pubblichiamo la lettera ricevuta dal Dott. Michele De Angelis a commento dell’intervista rilasciata dal Sindaco Ghinelli a Klaus Davi.

 

Vi sono momenti nei quali si sente la necessità di esprimere una sensazione, un’emozione. Non sappiamo dire come è nata, ma esce con tutta la sua forza dal profondo del cuore, pur sapendo da subito e ancora prima di averla detta, della inutilità intrinseca di averla formulata e dell’assordante silenzio da cui sarà circondata.

Alcune premesse semplici ma necessarie: non ho mai rivestito cariche politiche o di partito; per onestà intellettuale mi sento vicino al Partito democratico, ma mi creda, non è questo il motivo della lettera aperta. Vi sono persone politicamente più autorevoli di me che sicuramente lo faranno e poi non avrei alcun titolo per discutere dell’argomento.

Annovero numerosi amici cari e onesti che sicuramente l’hanno votata e sono Suoi sostenitori; ritengo che la Sua parte politica abbia, anche lei, in passato subito persecuzioni mediatiche e a volte persino calunnie.

Ma mi sento un uomo libero con autonomia di pensiero che ritiene sacra qualsiasi figura istituzionale in quanto espressione della maggioranza democraticamente espressa, anche quando non ne condivido legittimamente le scelte.

Ma cosa ha fatto Lei per cadere così in basso? Trattare così un Ministro della Repubblica! Sono le Sue parole: danno di immagine. Lei che riveste un ruolo istituzionale, che dovrebbe essere il primo a basarsi su fatti certi, riscontri chiari. Lei che dovrebbe sapere quanto si richieda (ma non li eleggiamo per questo?) a un politico l’interesse e la salvaguardia del proprio territorio.

Proprio Lei utilizza con perfida abilità la calunnia come mezzo e l’insulto come fine. Certo, sarà ripagato politicamente. In questo momento parlare male della Boschi che ha frodato gli Aretini renderà sicuramente in termini elettorali: ma mi consenta, Lei non è un uomo libero! Lei, Sindaco, rappresenta assai bene quella schiera di uomini pronta a colpire e schierarsi laddove le conviene ed eclissarsi quando si incontrano le avversità (a proposito, variantopoli non ha creato danno di immagine?). Io non ho il piacere di conoscere l’Onorevole Boschi e non credo che l’avrò, ma sento il dovere di difenderla da professionista, da medico con una qualche credibilità locale, da cittadino, da aretino acquisito. Non credo che la bassezza umana e politica le facciano onore, Sindaco. Certo, Le faranno avere un posto di rilievo sul Fatto Quotidiano. Spero che sia contento. Probabilmente la ripagherà anche in termini elettorali! Bravo.

No Sindaco, La ringrazio ma Lei non mi rappresenta, sarò in esigua minoranza, ma sono orgoglioso di quella compagnia.

Dr. Michele De Angelis

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0