Prima Pagina | Lettere | Arezzo citta d'arte, dell'oro e delle strisce BLU.

Arezzo citta d'arte, dell'oro e delle strisce BLU.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Arezzo citta d'arte, dell'oro e delle strisce BLU.

 

Come cittadini e pendolari siamo rimasti sorpresi e delusi nel constatare l'avvenuta trasformazione delle strisce, da bianche a blu, che delimitano gli stalli per la sosta di Via Caduti sul lavoro, parcheggio strategico per raggiungere il centro città e la stazione ferroviaria. Tali parcheggi, infatti, erano l'ultima possibilità di sosta gratuita per lavoratori e studenti che giornalmente si servono dei servizi pubblici per spostarsi, partendo al mattino presto e tornando, in molti casi, tardi la sera.

La stazione ferroviaria per sua natura è un luogo di mobilità ed ogni amministrazione lungimirante per facilitarne la fruizione crea, in prossimità della stessa, parcheggi gratuiti a lunga sosta. Imporre il pagamento anche di questo ulteriore parcheggio con tariffe alte (1.10 euro/ora) a nostro avviso è una vile strategia per spostare la sosta delle auto nei parcheggi multipiano più distanti che, ad oggi, sono spesso vuoti e poco redditizi. 

Le cause della mancata fruizione del parcheggio Mecenate e del parcheggio Baldaccio sono da ricercarsi nella distanza che li separa dalla stazione e dal centro città e nel tragitto da percorrere che vede marciapiedi dissestati, scarsa illuminazione e totale mancanza di presidio rendendoli scomodi, non sicuri e costringendo pendolari e cittadini a parcheggiare in altri luoghi. 

Diventa quindi un controsenso richiedere e sperare nel miglioramento dei servizi ferroviari con la fermata dei treni Alta Velocità e l'incremento dei collegamenti regionali, se poi la stessa amministrazione non si adopera per rendere la stazione più attrattiva e comoda per chi viene da fuori città. Oltre al parcheggio, infatti, resta irrisolta la situazione sicurezza e decoro dell’area Campo Marte segnalata oramai da diversi anni.

Di fatto ad Arezzo non ci sono più parcheggi liberi in prossimità del centro. Questo provocherà ricadute inevitabili su turismo, commercio e sui servizi andando a colpire quei cittadini che, per risparmiare qualche euro, sono disposti a parcheggiare più distante. Gli studenti e i lavoratori pendolari che già sostengono economicamente il prezzo del biglietto del treno, dovranno obbligatoriamente sostenere anche il costo del parcheggio. 

Chiediamo pubblicamente, come pendolari e cittadini, che l'amministrazione ripensi alle scelte e alle politiche sulla sosta e trovi una soluzione al fine di agevolare sia economicamente che con soluzioni comode e idonee chi quotidianamente deve recarsi verso la stazione ed il centro città. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0