Prima Pagina | Comunicati stampa | Carteggio Vasari-Buonarroti: ad Arezzo va in mostra l'improvvisazione

Carteggio Vasari-Buonarroti: ad Arezzo va in mostra l'improvvisazione

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Carteggio Vasari-Buonarroti: ad Arezzo va in mostra l'improvvisazione

I Popolari per Arezzo chiedono di chiarire i reali motivi dello stop da parte della Soprintendenza. Come mai la mostra era già stata annunciata? Come mai stava mancando ogni forma di promozione?

AREZZO – Lo slittamento della mostra "Messer Giorgio, amico caro… Michelangelo Buonarroti" testimonia ancora una volta la difficoltà dell'amministrazione nel fare cultura in città. A sostenerlo sono i Popolari per Arezzo che constatano con amarezza la mancata inaugurazione dell'evento dedicato allo scambio epistolare tra i due grandi artisti a causa del mancato nulla osta da parte della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana. Questo carteggio, fisicamente custodito in Casa Vasari, è stato recentemente digitalizzato e nel 2016 è stato esposto anche a Palazzo Medici Riccardi di Firenze, con tanto di patrocinio del Comune di Arezzo; già in quell'occasione, i Popolari per Arezzo avevano espresso la necessità di rendere fruibili questi documenti storici anche in città. Una possibilità che sembrava concretamente avverarsi in Fraternita dei Laici ma che, al contrario, è stata bloccata. «Sembrava che le carte e i loro preziosi contenuti - commenta Massimo Soletti dei Popolari per Arezzo, - potessero finalmente diventare occasione di cultura per gli aretini e motivo di riflessione sull'identità artistica della città, ma questo blocco pone in luce alcuni dubbi. Come è possibile che la mostra sia stata annunciata senza il nulla osta della Soprintendenza? E come mai tale evento è stato presentato con appena dieci giorni di anticipo e senza nessuna forma di promozione?».

La mostra sul carteggio poteva rappresentare una risorsa attrattiva anche in chiave turistica, ma già prima dello stop della Soprintendenza non era stata fatta alcuna campagna promozionale per farla conoscere ad Arezzo e nel resto d'Italia. Da quando è stata annunciata la mostra ad inizio ottobre, infatti, non è stato distribuito nessun materiale informativo cartaceo presso gli uffici di promozione turistica del Comune o il punto informativo della Fraternita dei Laici, né il personale risultava in grado di fornire ulteriori informazioni. I Popolari per Arezzo chiedono dunque chiarimenti riguardo a tali aspetti e al progetto scientifico legato all'esposizione e alla divulgazione dei contenuti delle carte, oltre alle reali tempistiche di organizzazione e confronto con Soprintendenza e proprietà. «L'amministrazione aveva tutto il tempo necessario per lavorare bene - aggiunge Soletti, - ma sembra che abbia deciso di avviare concretamente la mostra solo negli ultimi giorni, non rispettando gli step previsti per il consenso della Soprintendenza. Probabilmente sono stati dati per scontati alcuni passaggi: ad Arezzo va in mostra la più totale improvvisazione».

 

 

Arezzo, mercoledì 11 ottobre 2017

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0