Prima Pagina | Economia e lavoro | LA RETE DI SOLIDARIETA’ DI AREZZO A SOSTEGNO DI UN IMPRENDITORE AGRICOLO MARCHIGIANO COLPITO DAL TERREMOTO

LA RETE DI SOLIDARIETA’ DI AREZZO A SOSTEGNO DI UN IMPRENDITORE AGRICOLO MARCHIGIANO COLPITO DAL TERREMOTO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
LA RETE DI SOLIDARIETA’ DI AREZZO A SOSTEGNO DI UN IMPRENDITORE AGRICOLO MARCHIGIANO COLPITO DAL TERREMOTO

 

 

Quando ad Arezzo si mette in moto la rete della solidarietà è sempre un momento importante e questa volta, è proprio il caso di dirlo, si è accesa nel vero senso della parola, sì perché grazie all’Associazione di Volontariato O.A.S.I., è stato donato un trattore ad un agricoltore marchigiano delle zone colpite dal terremoto dello scorso anno che  è stato messo realmente in moto questa mattina durante la conferenza stampa di presentazione della donazione.

“Quando l’Associazione O.A.S.I. ci ha contattato, per aiutarli nel metterli in contatto con un imprenditore agricolo delle zone colpite dal terremoto, ci siamo subito mobilitati -  commenta il Presidente di Coldiretti Toscana e Arezzo Tulio Marcelli – la provvisorietà, dovuta agli ingenti danni dal terremoto, sta diventando normalità per le persone che hanno subito profondi disagi e poter ricevere, come in questo caso, un mezzo utile, per il lavoro quotidiano nell’impresa agricola è un’azione concreta che porta beneficio all’imprenditore agricolo e che crea una solidarietà fatta di sostanza. Gettare questi piccoli semi nel terreno fa sì che le persone non si allontanino e restino nel proprio territorio.

Coldiretti, lo ha dimostrato anche lo scorso fine settimana a Milano con il primo Villaggio  – illustra Marcelli – ha un cuore immenso e infatti, all’interno del mercato straordinario di Campagna Amica della manifestazione, è presente una zona proprio dedicata alla vendita dei prodotti degli agricoltori aderenti al circuito delle zone colpite dal sisma”.

Il trattore che è stato rimesso a punto dall'Associazione di Volontariato O.A.S.I. è stato donato a Pietro Astolfi, agricoltore del comune di Valfornace (Macerata)  colpito dal terremoto del centro Italia e conduttore di un’azienda zootecnica e di seminativi, accompagnato ad Arezzo per l’occasione da Terenzio Malvestito, Segretario di Zona della Coldiretti di Camerino.

“C’è una rete di Coldiretti, molto attenta ai problemi del paese, noi nel nostro piccolo – commenta il Direttore Rossi – cerchiamo di fornire il nostro contributo, andando a ricostruire lì dove le disgrazie sono state enormi anche con azioni come questa. Le aziende agricole – prosegue Rossi – sono costrette a rimanere sui territori colpiti dal sisma perché non possono delocalizzare le loro attività – e quindi per gli imprenditori agricoli è più difficile riemergere da catastrofi come quella dello scorso anno ma noi vogliamo fortemente tutelare e salvaguardare anche i territori colpiti che sono caratterizzati da una forte identità anche nel settore dell’agricoltura.

La grande volontà dei produttori agricoli – conclude Rossi – è immensa, basti pensare che venerdì 6 ottobre, alla vigilia dell’inverno gli agricoltori, i pastori e gli allevatori terremotati che non hanno voluto abbandonare stalle e aziende porteranno i primi raccolti dopo il sisma all’inaugurazione del nuovo mercato di Roma Capitale di Campagna Amica al Circo Massimo, questo ci dimostra ancora una volta come la tenacia e l’impegno dei nostri soci sia encomiabile”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0