Prima Pagina | Cronaca | Il caso della morte dell’avv. Giacomo Tofi: disposta l’autopsia

Il caso della morte dell’avv. Giacomo Tofi: disposta l’autopsia

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il caso della morte dell’avv. Giacomo Tofi: disposta l’autopsia

 

Molti sono i dubbi da chiarire sulla scomparsa improvvisa dell’avv. Giacomo Tofi. Sulla stampa si leggono oggi ricostruzioni scabrose e possibili scenari non riconducibili ad una scomparsa naturale. Credo sia conveniente attendere i risultati delle indagini condotte dal Pm di turno Elisabetta Iannelli 

L'allarme era stato lanciato ieri intorno alle 14.30, (giovedì 7 settembre) ma quando sono giunti sul posto i soccorritori del 118 non hanno potuto fare altro che constatare l'avvenuto decesso.

Uomo prestante era stato giocatore del Palazzo del Pero, Chiassa Tregozzano e Saione, è stato per anni presidente del San Giovanni in Terza Categoria.

Figlio di Giancarlo Tofi, ispettore della Polizia, fratello di Gabriele, noto avvocato del Foro di Arezzo col quale ha condiviso nello  stesso studio la prima parte dell'attività professionale.

Si era occupato della vicenda Sacfem (morti per amianto di ex lavoratori del Fabbricone) ed ha assistito il babbo del bimbo morto nel furgone per le esalazioni provocate dal surriscaldamento di una stufetta e il caso del delitto Landucci, per il quale fu condannato il cuoco Raffaele Marcantoni, cliente dello studio.

Aveva 42 anni, lascia la compagna e tre figli in tenera età.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0