Prima Pagina | Cronaca | Inchiesta RAI sui rifiuti nell’area vasta Toscana Sud Est e i legami con la mafia

Inchiesta RAI sui rifiuti nell’area vasta Toscana Sud Est e i legami con la mafia

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Inchiesta RAI sui rifiuti nell’area vasta Toscana Sud Est e i legami con la mafia

 

L’inchiesta parte da un bando con un unico partecipante (ormai una prassi), ma si estende (e non è ancora finita) a tutto la sequenza, mostrando i legami col mondo mafioso nella gestione dei rifiuti nella nostra area vasta.

Una bomba ad orologeria pronta a detonare ancora e in modo ancor piu’ potente del già clamoroso arresto del direttore generale dell’ATO.

Immediata la presa di posizione del capogruppo FI in regione Stefano Mugnai che carica gli obici puntati ad alzo zero sulla giunta e sul governatore: «Impensabile lasciare che di tutto questo si parli solo sui media. La giunta ha il dovere di portare chiarezza su questo intreccio e per questo chiederemo che riferisca in aula. Intanto, per parte mia, ho dato mandato ai miei uffici di predisporre un’interrogazione che cristallizzi in forma scritta le espressioni della Regione. Se esiste una o più inchieste giudiziarie, queste faranno il loro corso. A noi spetta gettare luce sulle implicazioni politiche e sul grado di consapevolezza per una questione, quella della gestione del ciclo dei rifiuti nella provincia di Arezzo in particolare ma in tutta l’area sud della Toscana, che è complessa, delicata e che presenta, allo stato, risvolti sottoposti ad inchieste che hanno trovato ampio risalto nei media. Tocca alla Regione dirimerla ed è ciò che chiederemo in via formale al presidente della giunta e all’assessore competente».

 

---- >   L'intero TG3 del 6 settembre

----->   Il solo servizio sui rifiuti via Facebook 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0