Prima Pagina | Economia e lavoro | Voucher: Confesercenti incontra l’onorevole Marco Donati

Voucher: Confesercenti incontra l’onorevole Marco Donati

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Voucher: Confesercenti incontra l’onorevole Marco Donati

Lunedì 27 marzo alle 14,30 in Confesercenti


Incontro in Confesercenti con l’onorevole Marco Donati sul tema dei voucher. L’associazione di categoria inizia il confronto con i parlamentari aretini per esporre le esigente e le richieste utili a fronteggiare l’emergenza voucher. Lunedì 27 marzo alle 14,30 in via Fiorentina la presidenza provinciale di Confesercenti ha programmato un incontro con l’onorevole Pd, Marco Donati. “È il primo appuntamento – spiega il direttore di Confesercenti Mario Checcaglini – programmato per confrontarci con i rappresentanti aretini in Parlamento. Ne seguiranno altri nelle prossime settimane. L’obiettivo è quello di affrontare la questione voucher che sta preoccupando molto le piccole medie imprese soprattutto in vista di una stagione che dal punto di vista turistico non può fare a meno dei voucher”. “La richiesta di Confesercenti – spiega il direttore Checcaglini – sarà quella di far sì che i parlamentari aretini si facciano portavoce delle esigenze del territorio. Chiederemo all’onorevole Marco Donati di formulare emendamenti al decreto che ha abolito i voucher prevedendo la reintroduzione per le pmi con un massimo di 15 dipendenti, mantenendo la tracciabilità e i limiti di utilizzo che possono essere ricadenzati. Di sicuro quello che è certo è il fatto che il settore del commercio e del turismo non possono fare a meno di uno strumento che a nostro avviso non può essere cancellato, prezioso anche per le famiglie che fino ad oggi hanno utilizzato i voucher per lavori domestici e necessità familiari che rischiano di tornare nel sommerso”.
“La comprensibile esigenza – conclude Checcaglini – di evitare la fase referendaria non può giustificare la cancellazione dei voucher, dall’oggi al domani, senza la previsione di uno strumento alternativo. Questo è quello che pensa Confesercenti”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0