Prima Pagina | Cultura | Conoscersi per capirsi. Un progetto europeo sui diritti umani e sulla non discriminazione che coinvolge le scuole della Toscana

Conoscersi per capirsi. Un progetto europeo sui diritti umani e sulla non discriminazione che coinvolge le scuole della Toscana

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Conoscersi per capirsi. Un progetto europeo sui diritti umani e sulla non discriminazione che coinvolge le scuole della Toscana

L’Università di Siena partner di “I Have Rights”, sulle buone pratiche per l’integrazione scolastica



La conoscenza e la comprensione dei diritti umani e dei valori di non discriminazione sono i pilastri della convivenza pacifica in Europa. E’ a partire da questa premessa che l’Università di Siena è tra i promotori del progetto europeo I HAVE RIGHTS, che coinvolge le scuole per una maggiore consapevolezza del nuovo mondo multiculturale nel quale alunni e docenti sono chiamati oggi ad apprendere e insegnare.
Con un team interdipartimentale e interdisciplinare tra diritto, sociologia e pedagogia, coordinato dalla professoressa Alessandra Viviani, di cui fanno parte i professori Fabio Berti, Andrea Valzania, Claudio Melacarne e Mario Giampaolo, il progetto si focalizza sulla diffusione di competenze interculturali, ponendo alla base l’importanza della comprensione dei diritti umani e dei valori di non discriminazione, per aprire la strada alla conoscenza reciproca tra insegnanti e allievi con provenienze, esperienze e culture molto differenti tra loro. Obiettivo ultimo, l’integrazione scolastica tra studenti di culture molto diverse tra loro.
Cinque le scuole superiori delle province di Siena, Arezzo e Grosseto coinvolte nella prima fase, costituita da un’indagine per la raccolta di dati: l’istituto Piccolomini di Siena, il Don Bosco di Colle val d'Elsa, il Gramsci-Keynes di Prato, il Da Vinci-Fermi di Arcidosso, il Signorelli di Cortona. Dall’analisi delle risposte di studenti e insegnanti ad un questionario formulato ad hoc dagli esperti, emergerà quale sia la reale conoscenza in tema di diritti umani e di questioni interculturali, per arrivare, attraverso l’individuazione delle buone pratiche in atto, a produrre linee guida che supportino gli insegnanti e le classi sul tema dell’integrazione scolastica.
Il progetto I HAVE RIGHTS ( azione Erasmus+ Key Strategy 2, grant 2016-1-FR01-KA201-024133), della durata di due anni, ha preso il via lo scorso settembre ed è coordinato dalla rete di scuole francesi RenaSup di Parigi, insieme alle Università Aristotele di Salonicco (GR) e di Kalepia (LT), al Centro per i diritti umani di Coimbra, a Inforef (BE) e a Pixel On-Line di Firenze (partner tecnico).
Per l’Università di Siena fanno parte i dipartimenti di Scienze politiche e internazionali, Scienze sociali, politiche e cognitive, e Scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale.

 
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0