Prima Pagina | Grillo Parlante | Il grillo parlante e i bandi ferragostani

Il grillo parlante e i bandi ferragostani

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il grillo parlante e i bandi ferragostani

“L'uomo, per tua regola, nasca ricco o povero, è obbligato in questo mondo a far qualcosa, a occuparsi, a lavorare. Guai a lasciarsi prendere dall'ozio! L'ozio è una bruttissima malattia, e bisogna guarirla subito, fin da ragazzi: se no, quando siamo grandi, non si guarisce più.”

 

 Tutto potrem dire ai nostri amministratori, ma non certo che han passato ferragosto ad oziare.

I giorni attorno a ferragosto sono un ottimo periodo per i bandi di gara del nostro comune, segno inequivocabile che i nostri dirigenti e amministratori son tutti al pezzo. Vediamo cosa è successo dunque mentre il Solleone faceva ribollire le nostre strade e tanti amati concittadini zampettavano sul bagnasciuga.

Il 19 agosto appariva il bando, tramite utilizzo del sistema telematico START messo a disposizione della Regione Toscana, per la concessione della gestione della Casa della Musica presso il Palazzo di Fraternita, per la durata di anni 5, con eventuale possibilità di rinnovo ai sensi dell'art.63 comma 5 del D.Lgs.n.50/2016, per massimo ulteriori tre anni.

Premesso che:

−    con deliberazione G.R.T. n.239/2008 veniva approvato l'elenco definitivo dei Comuni eligibili alla procedura PIUSS nell'ambito del POR CReO FESR 2007-2013, Asse V: Piani integrati di sviluppo urbano sostenibile (PIUSS);

−    con delibera di Consiglio Comunale n. 30 del 27/02/2009 è stato approvato l’Accordo di programma fra Comune di Arezzo, Provincia di Arezzo, Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Arezzo e Azienda pubblica di servizi alla persona “Fraternita dei Laici” per la realizzazione degli interventi denominati: “Realizzazione, riqualificazione strutturale e funzionale con connessa gestione di alcuni edifici di proprietà del Comune di Arezzo e della Fraternita dei laici ai fini di una loro destinazione ad attività e interventi previsti nel POR Regione Toscana “Competitività e Occupazione” e Documento di Attuazione Regionale per l’Asse V nel contesto del PIUSS della città di Arezzo”;

−    con deliberazione di G.C. n. 128 del 03/03/2009 è stato approvato il PIUSS città di Arezzo nel contenuto previsto all’art.9 del disciplinare PIUSS e nella disciplina del POR Creo della Regione Toscana;

−    con deliberazione di G.C. n. 129 del 05/03/2009 si approvavano, fra le altre, in allegato quale parte integrante e sostanziale, i progetti tecnici e gestionali che costituiscono il PIUSS, tutti inseriti nella piattaforma on line della Regione Toscana e depositati agli atti del Comune di Arezzo;

−    con Decreto Dirigenziale RT n. 5026 del 13/10/2009 il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile per la Città di Arezzo è stato ammesso a finanziamento;

−    nell'elenco dei progetti inseriti nel PIUSS per la città di Arezzo era prevista l’operazione denominata “Recupero Palazzo di Fraternita”, inerente la linea di attività 5.2 “Interventi di tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio culturale nei contesti urbani funzionali alla fruizione di un turismo sostenibile” e in particolare la promozione di eventi legati al settore musicale anche per fornire occasioni di formazione, produzione e post produzione musicale attraverso l’istituzione di laboratori, sale prova e di registrazione;

− con delibera di GC n. 432 del 11/08/2016 è stato disposto di modificare parzialmente il modello gestionale dell’operazione portante del “Piano Integrato di sviluppo urbano sostenibile per la città di Arezzo” denominata “Recupero Palazzo di Fraternita” e di modificare parzialmente il piano economico – finanziario dell’operazione;

Termine per la presentazione delle offerte: 09/09/2016 ore 12,00.

Apertura offerte: 12/09/2016 ore 10,00

Scadenza richiesta chiarimenti (tramite piattaforma Start): 01/09/2016 ore 12,00

Scadenza sopralluogo (obbligatorio): 30/08/2016


Insomma che sarà mai? Solo un bando apparso 4 giorni dopo ferragosto, con sopralluogo obbligatorio da effettuarsi entro i 10 giorni successivi.  

Questa la scheda di partecipazione da mettere insieme dopo il sopralluogo obbligatorio dell’ultima decade di agosto, almeno nella prima di settembre, vista la scadenza:


Amministrativa

·         A.1.2. Dichiarazione Art. 80 [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio, ammessi più documenti - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

·         A.1.bis Dichiarazione requisiti generali art.80 [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Dichiarazione atto di impegno a costituire RTI ovvero atto costitutivo di RTI già costituito [Invio telematico con firma digitale - Facoltativo, ammessi più documenti - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Scheda consorziate [Invio telematico con firma digitale - Facoltativo, ammessi più documenti - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Scheda contratto di rete [Invio telematico con firma digitale - Facoltativo, ammessi più documenti - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Dichiarazione di avvalimento [Invio telematico con firma digitale - Facoltativo, ammessi più documenti - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Contratto di avvalimento [Invio telematico con firma digitale - Facoltativo - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

·         contratto di avvalimento in caso di concordato preventivo con continuità aziendale [Invio telematico con firma digitale - Facoltativo - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Relazione di un professionista in caso di concordato preventivo con continuità aziendale [Invio telematico con firma digitale - Facoltativo, ammessi più documenti - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Scheda ausiliaria ex art.186 [Invio telematico con firma digitale - Facoltativo, ammessi più documenti - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Dichiarazione requisiti tecnico professionali [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Certificazione sopralluogo [Invio telematico - Obbligatorio - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Versamento ANAC [Invio telematico - Obbligatorio - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Cauzione provvisoria e impegno fideiussore [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio, ammessi più documenti - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

·         capitolato tecnico [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

·         statuto e atto costitutivo (in caso di associazioni) [Invio telematico - Facoltativo, ammessi più documenti - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

·         domanda e scheda [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio - Invio disgiunto (per Operatori Riuniti)]

Tecnica

·         offerta tecnica [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio, ammessi più documenti - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

Economica

·         piano economico finanziario [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio, ammessi più documenti - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

·         scheda segreti tecnici o commerciali [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]

·         Offerta economica - Punteggio: 30 - [Invio telematico con firma digitale - Obbligatorio - Invio congiunto (per Operatori Riuniti)]


Ed infatti fu così che il solerte dirigente, il giorno 12 del mese di settembre, dato atto che…

- tutta la documentazione di gara è stata pubblicata nel sito http://start.e.toscana.it/comunearezzo, sul sito internet del Comune e all'Albo pretorio dell'ente;

- il termine perentorio stabilito per la presentazione delle offerte era fissato alle ore 12,00 del giorno 09/09/2016;

- non essendo state presentate offerte entro il suddetto termine, non si è proceduto a nominare la commissione di gara e pertanto il presente verbale viene redatto dal Responsabile del Procedimento;

Quanto sopra premesso e considerato da atto che entro le ore 12,00 del giorno 09/09/2016 non risulta pervenuta nessuna offerta e pertanto

…dichiara la gara deserta.

A questo punto, visto che tutte le procedure sono state espletate e visto che tutte sono andate deserte, si può finalmente passare alla trattativa privata.


Et voilà le jeux sont fait. Ieri puntuale, il comunicato dell’ufficio stampa del comune di Arezzo: il primo piano di palazzo di Fraternita ospiterà la Casa della musica. L’amministrazione comunale ha siglato una partnership con la Scuola di musica di Fiesole - guidata dal soprintendente Lorenzo Cinatti e dal presidente Anna Ravoni, attuale sindaco di Fiesole - che gestirà questo servizio.

L’aggiudicazione dell’appalto di concessione alla Scuola di musica di Fiesole da una parte consente di corrispondere a pieno titolo a quelle che erano le indicazioni contenute nel progetto Piuss, dall’altra costituisce un arricchimento culturale significativo e che dimostra che la città sta diventando un polo attrattivo di iniziative di primissimo livello, dove la cultura, non solo quella musicale, acquisisce un ruolo sempre più distintivo.

Chissà se tutto il papocchio procedurale sarà stato rispettato, se saran state richieste fidejussioni, versamenti, protocolli, ispezioni ecc ecc.

“Come siamo disgraziati noialtri poveri ragazzi! Tutti ci sgridano, tutti ci ammoniscono, tutti ci dànno consigli. A lasciarli dire, tutti si metterebbero incapo di essere i nostri babbi e i nostri maestri.” 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0