Prima Pagina | L'opinione | L’ARTICOLO 18? NON ESISTE …

L’ARTICOLO 18? NON ESISTE …

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
L’ARTICOLO 18? NON ESISTE …

L’ARTICOLO 18 NON SI TOCCA”! Tuona la Camusso (CGIL) e, a rimorchio, anche il Blog di Beppe Grillo. NO, ABOLIRE L’ARTICOLO 18 E’ UNA SCELTA DI PROGRESSO! Tuona Squinzi, da Confindustria.

 

Signori, ma di che cosa stiamo parlando?

Innanzitutto, quasi mai nei talk show, nel web e nella stampa, si precisa che l’art. 18 come esiste adesso, non è quello della versione Brodolini-Donatt Cattin del 1970. Certo, è fresco il ricordo della forte riforma del tandem Monti-Fornero del 2012, che ha rimodulato la reintegra giudiziale nel posto di lavoro, trasformandola (a differenza del passato) in una “sanzione”, quasi una “pena privata”, contro il Datore, reo di abusi molto gravi: licenziamenti discriminatori, licenziamenti disciplinari palesemente illegali etc. Ma non si ricorda mai che un primo duro colpo l’art. 18 lo aveva subito nel 1990, quando fu approvata la legge 108, che permise al Datore di Lavoro, a fronte di una causa di licenziamento, di sottrarsi alle reintegra, versando 15 mensilità aggiuntive di stipendio: con ciò scoraggiando notevolmente i Lavoratori dal perseverare nella reintergra (complici i “tempi biblici” dei processi italiani, anche del lavoro).

Ma perché questi interventi sull’art. 18? Ci sono stati anni in Italia che il “sistema retributivo pensionistico” era un totem. Pur essendo notorio che andava cambiato (per i perversi riflessi sulla spesa sociale che determinava), era vietato porre all’ordine del giorno della Politica nazionale il suo abbandono. Ecco che, allora, il legislatore cercava vie trasversali, scorciatoie per ostacolarne il funzionamento: così nel 1997 (dlgs. 314/97), così nel 1990 (legge 108). E quasi sempre, intervenendo (direttamente o indirettamente) sull’art. 18 …

Articolo 18 e “sistema pensionistico” retributivo agivano insieme, in una sinergia abbastanza perversa per la spesa sociale. Chi ha una discreta pratica con la legislazione previdenziale e del lavoro, dovrebbe sapere che in Italia c’è una norma del 1997 che esclude dalla base imponibile (stipendiale) utile per la contribuzione INPS le somme versate in concomitanza con la cessazione dei rapporti di lavoro. Chi ha scritto la norma, lo ha fatto “a ragion veduta”, dopo un lungo “tira e molla” giudiziario-sindacale, apposta per impedire ai lavoratori licenziati, ma a fine carriera, di sfruttare opportunisticamente l’art. 18 per spuntare una base contributiva più favorevole. Un uso, invero distorto dell’art. 18, ma che era la conseguenza diretta di un sistema pensionistico, quello “retributivo”, che valorizzava gli ultimi anni di carriera … Non solo: già in questa direzione si era mosso l’intervento legislativo già citato del 1990, che chiaramente penalizzò (in senso economico) la reintegra.

La fine del “sistema retributivo” ha definitivamente archiviato e storicamente superato l’art. 18! Sissignori! A dare il colpo mortale (anche se non direttamente legislativo) all’art. 18 è stata la Fornero, ma non con la riforma del giugno 2012, quanto con la riforma delle pensioni del dicembre 2011. Non ci si ricorda (o si finge di non ricordare) che l’art. 18 (specie negli ultimi anni) non è stato solo (o tanto) un fattore di “rigidità” in uscita dal mercato del lavoro (molto meno con la drastica riforma del 1990 …), quanto soprattutto un problema per la spesa pensionistica:

 

Io non sono un fan dell’Onorevole, anzi Cittadino, Alessandro Di Battista, ma come dargli torto quando denuncia la “slogan-patia” degli italiani, e il dilagare del più grande “partito nazionale”, il “partito preso” (inteso come “logica del partito preso”)? Articolo 18 e “sistema retributivo”, due totem: nati di fatto insieme (nell’epoca 1969-70, sotto la stessa spinta dell’ Autunno Caldo) e insieme finiti con la riforma delle pensioni targata Fornero. Diciamocelo una volta per tutte: oggi l’art. 18 (di fatto) NON ESISTE …  

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0