Prima Pagina | Cronaca | Restituito alla città il palazzo della Fonte. Fu distrutto dalla guerra

Restituito alla città il palazzo della Fonte. Fu distrutto dalla guerra

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Restituito alla città il palazzo della Fonte. Fu distrutto dalla guerra

Ieri pomeriggio si è tenuta la cerimonia di inaugurazione dell’ampliamento degli spazi espositivi della Fondazione Ivan Bruschi, amministrata da Banca Etruria. Alle 18,30 centinaia di persone si sono riversate nella parte alta di Corso Italia per partecipare al momento in cui è stata svelata la facciata ricostruita di “Palazzo della Fonte”, situato di fronte alla Pieve di Santa Maria e distrutto dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale.

Con questo intervento, come sottolineato dalle autorità nei vari interventi, Banca Etruria realizza l’ultima ricostruzione postbellica ad Arezzo e restituisce uno splendido palazzo al centro storico della città. “Palazzo della Fonte” rientra infatti tra i preziosi lasciti all’Istituto di Credito da parte dell’ideatore della Fiera Antiquaria, Ivan Bruschi, che per primo aveva previsto la ricostruzione dell’immobile. L’intervento trova una collocazione privilegiata tra i numerosi progetti culturali strutturati che Banca Etruria ha intrapreso per tramandare ad Arezzo arte, fede, cultura e storia. Ne sono esempio il restauro della Leggenda della Vera Croce e delle altre opere di Piero della Francesca, oltre a quello del Crocifisso di Cimabue e alle numerose attività della Fondazione Bruschi.

Il cantiere - aperto nel 2012 e nascosto fino ad oggi dalla palizzata di copertura artistica realizzata dal Maestro Carlo Pizzichini - ha portato a termine un’accurata opera di rifacimento tenendo conto delle indicazioni del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e della Soprintendenza di Arezzo. E’ stato un intervento significativo anche sotto il profilo della ricaduta economica generata, oltre che per l’elevato livello dei professionisti convolti: gli architetti Michele Paradiso, Giacomo Tempesta, Andrea Branzi, Antonio Bigi e Franco Lani. A portare a termine i lavori, resi possibili da Banca Etruria – assieme agli altri comproprietari dell’immobile, le famiglie Lucani-Ceccarelli e Burzi – è stata la ditta Zanni 3, specializzata in cantieri di questo tipo. Fondamentale, per portare a termine l’operazione, è stato anche l’impegno profuso dai dipendenti della Banca che a vario titolo hanno nel tempo collaborato al progetto.

L’intento della Banca è quello di ampliare gli ambienti espositivi della Fondazione Ivan Bruschi organizzando con periodicità mostre temporanee a partire da quella dedicata proprio alla storia e alla ricostruzione del “Palazzo della Fonte” che nei prossimi mesi andrà ad inaugurare gli interni, che ad oggi vedono ancora in corso gli ultimi lavori di rifinitura. I nuovi locali consentiranno inoltre l’ampliamento dell’attività didattica per scuole e famiglie, che ormai sempre più numerose frequentano i percorsi organizzati nella contigua Casa Museo.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00