Prima Pagina | Economia e lavoro | BATTE FORTE IL CUORE BUSINESS DI GOLD IN ITALY

BATTE FORTE IL CUORE BUSINESS DI GOLD IN ITALY

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
BATTE FORTE IL CUORE BUSINESS DI GOLD IN ITALY

OLTRE 1700 GLI INCONTRI PROGRAMMATI TRA AZIENDE E BUYER INTERNAZIONALI E UNA SELEZIONATA GIURIA PREMIA LE MIGLIORI CREAZIONI DELL’OREFICERIA MADE IN ITALY

 

 

 

Continua con successo Gold in Italy, l’evento che Arezzo Fiere e Congressi dedica al Made in Italy del comparto orafo. Apprezzamento unanime per una fiera che è riuscita a esplorare con intelligenza nuove frontiere tematiche e organizzative, coniugandole felicemente con gli elevati standard qualitativi che AFC riesce a garantire ormai da anni. Una soddisfazione generale già espressa dalle più alte cariche istituzionali nella giornata inaugurale e ribadita da tutte le altre parti in causa, aziende espositrici in primis. Tutte concordi nel sottolineare lo sforzo compiuto dall’organizzazione soprattutto per quanto concerne gli incontri produttori/buyer.

“Oltre 1700 incontri programmati, un calendario fittissimo dove nulla è stato lasciato al caso – spiega Raul Barbieri, Direttore di Arezzo Fiere e Congressi – Un lavoro certosino di incroci, studiato al fine di soddisfare le esigenze tanto dei compratori quanto, soprattutto, degli espositori. E’ in questi spazi che batte il cuore di Gold in Italy, è qui che molte aziende trovano un concreto riscontro alle loro aspettative”.

Business, quindi, ma non solo. La giornata di domenica è stata infatti caratterizzata dalla premiazione che ha visto protagoniste, ancora una volta, le aziende presenti in fiera. Sul palcoscenico dell’Agorà, lo spazio centrale intorno al quale si sviluppa Gold in Italy, sono infatti saliti i produttori che hanno ricevuto riconoscimenti nei vari contest: Gold Gallery, Friendship Bracelet e Immagine Vetrina. A decretare i verdetti una giuria selezionatissima di giornalisti e addetti ai lavori che hanno attribuito premi alla creatività, alla tradizione, al fashion e a tutti gli altri aspetti che fanno di un gioiello un’opera d’arte.

“Anche le premiazioni rappresentano un momento importante della nostra fiera – commenta Raul Barbieri – in quanto determinano le tendenze e i gusti che spesso forniscono una sorta di bussola soprattutto per i compratori stranieri, sempre attenti alle indicazioni dei trend setter. Uno dei tanti plus che Gold in Italy è in grado di offrire alle aziende espositrici”.

La giornata di domenica è quindi proseguita con i tanti appuntamenti del ricchissimo calendario. Altre sessioni dell’apprezzatissimo Shooting Live, il glamour delle performance di Ermanno Scervino by Sugar e in chiusura l’interessantissima presentazione “Lux Made In”, a cura dell’Associazione Giovani Gioiellieri Italiani, un progetto con tutte le carte in regola per diventare un punto di riferimento credibile nel mondo dell’oreficeria italiana.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0