Prima Pagina | Comunicati stampa | Costituito il comitato laico “13 maggio”: presidio in Piazza Zucchi

Costituito il comitato laico “13 maggio”: presidio in Piazza Zucchi

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Costituito il comitato laico “13 maggio”: presidio in Piazza Zucchi

Domenica 13 maggio prossimo Arezzo e provincia ospiteranno papa Ratzinger per una visita pastorale alla diocesi locale.

 

 
Il costo della visita è di 500.000€, quasi tutti pubblici. La cifra è destinata a lievitare.
La giornata è ricca di genuflessioni e gesti di sottomissione feudale da parte di chi rappresenta i cittadini.
 
Nello stesso giorno verrà anche il premier Monti, il cui Governo si è reso protagonista di manovre economiche di macelleria sociale, talmente critiche che stanno causando suicidi tra operai, artigiani ed imprenditori, disperati di fronte alla mancanza di lavoro e ai debiti.
 
I politici devono essere laici ed equidistanti. Devono occuparsi delle politiche sociali invece di fare beneficenza alle chiese. Chiediamo giustizia sociale in terra e non (oppure non solo) nell'aldilà.
 
È compito di noi cittadini tutti vigilare che i politici facciano bene il loro dovere e di educarli a tenere comportamenti decorosi e consoni al loro ruolo.
 
Contro le politiche clericali ed antisociali e per una società più giusta, civile e vivibile, per dimostrare che esiste un’Arezzo, una Toscana molto diverse da quanto vogliono farci credere che siano, invitiamo e “invitiamo ad invitare” tutti i cittadini a:
 
 

-   SOTTOSCRIVERE la piattaforma politica, come gruppi e come individui;

-   COMUNICARE a tutti gli amici, i conoscenti, i soci e i compagni di questa faccenda;

-   PARTECIPARE calorosamente al presidio di domenica 13 maggio in Piazza Zucchi ad Arezzo (come arrivarci) 10 minuti a piedi dalle ferrovie;

-   CHIEDERE alla Provincia di Arezzo, ai Comuni di Chiusi della Verna e Sansepolcro a dichiarare l'entità degli stanziamenti e in che modo intendono far fronte a spese straordinarie (come fa il Comune di Arezzo)

-   SOLLECITARE con mail e altri mezzi i consiglieri comunali, provinciali e regionali affinché escano allo scoperto e si assumano le loro responsabilità in questa vicenda;

-   DOMANDARE ai politici, agli organi e ai partiti di riferimento con quale nuovo comportamento dignitoso intendano proseguire i loro mandati e pretendere che lo mantengano;

-   SEGNALARE al Governo anche questi sprechi e queste spese inutili alla pubblica amministrazione tramite il seguente link

-   SEGNALARE analogamente questa tra le spese inutili di Arezzo

I tempi sono stretti, ma sono anche talmente bui che ci costringono ad agire insieme per il 13 maggio. Non crediate, però, che finisca qui.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0