Tanti: “Piena solidarietà alle Usca. Il Comune di nuovo cerniera tra l’emergenza sanitaria e la Città. Impegno eccezionale nell’assistenza ai servizi secondari”

0

Dal 1 gennaio oltre 1000 positivi e il 5% degli aretini in quarantena.

Attivo il numero del vicesindaco 345 0800400

Piena solidarietà agli operatori delle Usca. Pur comprendendo i disagi che questo particolare momento di criticità sta causando a tanti cittadini non è ragionevole sfogare la propria rabbia contro chi quotidianamente svolge con responsabilità estrema e in maniera straordinaria il proprio lavoro. Dal 1 gennaio, oltre 1000 positivi e 5000 aretini, il 5% della popolazione, in quarantena: siamo nuovamente in emergenza, sanitaria per quanto riguarda l’eccezionalità dei numeri delle verifiche di positività e del tracciamento, ma anche logistica, in considerazione di tutte le problematiche della quotidianità che l’isolamento comporta. E’ in questo segmento dei “servizi secondari” che il Comune di Arezzo, comunque in continuità dall’inizio della pandemia, nelle ultime settimane ha ripreso a pieno ritmo a rispondere alle tante richieste di assistenza che vengono dai cittadini. I nostri uffici della protezione civile e del servizio ambiente lavorano instancabilmente fornendo un aiuto concreto ai quarantenati, adoperandosi con Croce Rossa e Sei Toscana per provvedere al recapito di medicinali e spesa alimentare o per segnalare una raccolta di rifiuti. Ma è in realtà un lavoro che va oltre le segnalazioni ufficiali fornite dai sistemi informatici: il Comune è tornato a fare quotidianamente da cerniera tra l’emergenza sanitaria e i propri cittadini, rispondendo alle tante richieste che quotidianamente pervengono sia telefonicamente che via mail e dando un supporto anche informativo, adottando quella flessibilità che è fondamentale per la gestione di una situazione di criticità così importante. Moltissimi i messaggi che arrivano sule nostre mail, ai quali cerchiamo di rispondere prontamente: come sempre siamo a fianco dei nostri cittadini, per cercare di fronteggiare al meglio questo periodo pesante e difficile. Il mio numero è sempre rimasto attivo, ma ricordo agli aretini che possono segnalare le loro difficoltà inviando messaggi al 345 0800400” .