Vaccari e Ricci: «Sicurezza e centro storico: per il Comune nessuna preoccupazione»

1

Decoro, sicurezza, mobilità. Il centro storico della città ha la necessità di essere ripensato dopo la pandemia ma per ora non c’è traccia di una riflessione seria.

«Parrebbe naturale che un’amministrazione si impegnasse di più – dice Valentina Vaccari, Consigliere comunale PD – almeno sul contrasto degli eventi illeciti, e concedesse ai residenti il lusso di qualcosa che ormai naturale non sembra più: la serenità nelle ore notturne dei weekend. Ma non è così, e francamente non si vedono iniziative ed idee all’orizzonte».

«Ma oltre il velo non certo superficiale della prima analisi, a preoccupare sono le crescenti manifestazioni di disagio giovanile, la sordità del dialogo amministrazione-giovani con una offerta cittadina di intrattenimento che oltre al classico “mangia e bevi” non ha più nulla da offrire».

«Il decoro complessivo del centro storico è calato di molto ed è solo grazie alla pazienza dei lavoratori, dei residenti e dei commercianti se la situazione non è ulteriormente peggiorata – sottolinea Benedetta Ricci, Coordinatore circolo Centro Storico PD. «L’amministrazione ormai non sembra più nemmeno preoccuparsene come sulla riorganizzazione della mobilità, ad esempio, sulla quale manca anche la cosa più semplice e dovuta: il confronto.

Il Partito Democratico ripartirà proprio da questo punto perché un ecosistema come quello del centro storico è vivo solo se tiene insieme tutte le parti e non ne lascia indietro nessuno. L’urgenza è chiara a tutti i cittadini, tranne che al Sindaco e qualche sodale».