F U O R I C A M P O

0

Filippo nibbi – Fantastica in esercizio

 

Abbiamo vinto!

Ranocchia in Barella esce dal campo.

 

Undici

Trovato! Eccolo! Trovato! Trovato!

Cosimo salta per la stanza, ride, rimbalza, corre…

Trovato!!!

Cosimo è un bambino triste, giallino, triestino.

E’ nato serio, un omino spento.

Gioca poco, da solo, e quando gioca

sta sempre con le sopracciglia aggrottate.

Questa gioia è sbalorditiva.

Si precipita la mamma, si alza il papà, arrivano correndo le due sorelline.

Che cosa? Che cosa? Checcosa hai trovato Cosimo?… Così!… ‘Mo?

Perché sorridi? Perché corri?…

Ma Cosimo si fa misterioso,

taglia corto: Non posso dirvelo (velo! velo! velo!) , sto ancora cercando,

forse non ho finito…

Tutti tornano di là, lo lasciano solo, come piace a lui, nella sua camerina

in fondo al corridoio.

Scorre nella casa, quieto e lento, tutto sabato. E’ il tramonto.

“Trovato! Anzi, trovati! Due! Due!”

esulta la vocina di Cosimo. Accorre la famiglia. Cosa?

Dicci Cosimo,  cos’hai trovato?

Perché corri da un muro all’ altro? Perché ridi? Che succede Cosimo?…

Dài, non farci spaventare…

Ma Cosimo tace, sembra non vederli.

Piano piano si ferma, corruga le sopracciglia,

va a sedersi in quel suo banchetto di legno, uguale identico a quelli che si usano a scuola.

La mamma esce, il papà si allontana con le sorelline per mano.

Attraverso la fessura della porta guardano Cosimo seduto serio, concentrato.

La notte, verso le 3, si sente squillare un ultimo “Trovato!”.

Quando suona la sveglia, la mamma  lo trova già vestito

con indosso la sua divisa del collegio, la camicia grigia ben allacciata fino a sotto il collo.

Cosimo!… Dice la mamma.

Ciao, dice Cosimo… Non trovo più niente.

Ma cosa cercavi?… Cosa cerchi?… Si può sapere?… A me lo puoi dire! Sono la tua mamma.

Ne ho trovati undici, dice Cosimo, e di nuovo sorride.

Undici momenti in cui sono stato felice.

 

NUOVO ANTIDOTO AI MALI DEL MONDO

Abbracciare una vocale con indosso un vestito rotondo.

L’Antana

Ci sono versi brutti

E versi belli

Ma se abbisogni di poesia

Osserva il gesto di una donna

Chi si solleva i capelli.

Costa Esmeralda, 21 settembre 2021