A fuoco l’area industriale di Bucine: distrutti gli stabilimenti “Valentino”

0

I vigili del fuoco delle province di Arezzo e Firenze stanno lottando dalle 5 di questa mattina per un incendio di vaste proporzioni che ha coinvolto numerosi capannoni dell’area industriale di Bucine.

I vigili del fuoco del comando di Arezzo e dei distaccamenti di Montevarchi, Cortona, Bibbiena e Pratovecchio, supportati anche da uomini e mezzi provenienti dal Comando di Firenze e dai distaccamenti di Figline Valdarno e Firenze Ovest, stanno intervenendo da questa notte a Bucine, Via Leo Valiani, per un incendio che ha coinvolto diversi capannoni industriali.

Sul posto Carabinieri e personale sanitario del 118.

Confartigianato Arezzo: “Fortissima solidarietà al gruppo Valentino”

Il presidente dell’Area Valdarno interviene a seguito del disastroso incendio che ha distrutto lo stabilimento di Levane Baldi: vicini all’azienda, ai dipendenti e a tutte le piccole imprese della filiera abbigliamento del comprensorio valdarnese

“Esprimiamo il nostro fortissimo dispiacere e la nostra piena solidarietà alla grande impresa di moda Valentino per la sciagura che ha colpito lo stabilimento di Levane, di fatto distrutto dal terribile incendio si stanotte”.

Con le fiamme ancora non del tutto spente a seguito dello sciagurato evento,  arriva da Confartigianato Arezzo “un segno di vicinanza e di preoccupata condivisione” con le parole di Maurizio Baldi, presidente dell’Area Valdarno dell’Associazione, che esprime la vicinanza non solo ai titolari dell’impresa colpita dalla sciagura, “ma a tutti coloro che sono vicini professionalmente a Valentino”.

“La nostra solidarietà  – continua infatti Baldi – va a tutti i dipendenti, i collaboratori e anche alle tantissime piccole e medie imprese artigiane che lavorano per Valentino nella filiera dell’abbigliamento nell’area di Levane e del Valdarno, a tutti i fashionisti che contribuiscono, con il loro impegno quotidiano, a rendere sempre perfetto e vincente il made in Italy in tutto il mondo”.

“Ci auguriamo davvero –  conclude il rappresentante di Confartigianato Arezzo –  che la sciagura non si dimostri irreparabile e che Valentino e tutta la preziosa filiera dell’abbigliamento del nostro Valdarno possa riprendere presto a lavorare da par suo, continuando a promuovere la nostra capacità produttiva e l’immagine della moda italiana a livello internazionale”.