CAMPO SPORTIVO DELLA NAVE : PER IL SINDACO ERA MEGLIO TACERE

0

Per Agnelli era meglio tacere invece di fare una conferenza stampa sulla sentenza di archiviazione del procedimento sulla assegnazione del campo de La Nave. Era meglio perché a questo punto, visto che a parere della magistratura non ci sono stati reati, potrà rispondere senza paura ad alcune domande.

-E’ vero che l’affidamento del campo de La Nave a una società di Arezzo è stato fatto senza alcun bando di gara? Inutile che racconti storie, il regolamento comunale, che ben conosciamo, dice che l’affidamento diretto poteva essere fatto solo ad associazioni castiglionesi. Per le altre occorreva una gara.

-E’ vero che la richiesta di affidamento da parte della ASD Arretium è stata fatta a voce, per telefono come affermato dal Segretario Generale? Una cosa che non sta né in cielo, né in terra, provi qualunque cittadino a richiede con una telefonata l’uso di una proprietà comunale e vediamo cosa risponde il comune. Perché questo trattamento “ di benevolenza” per l’Arretium?

-E’ vero che all’ Asd Arretium, è stata attribuita la partita iva, requisito indispensabile per avere l’affidamento, in data 08.04.2015, guarda caso il giorno prima della delibera di concessione? Una faccenda che suona male.

– E’ vero che l’ASD Arretium era una società collegata all’ US Arezzo calcio? Pare di sì visto, che mai l’Arretium ha utilizzato il campo de la Nave ma l’ha invece utilizzato l’Arezzo calcio. E’ vero che all’epoca il sindaco Agnelli rivestiva nella US Arezzo il ruolo di responsabile di relazioni esterne ed affiliazione società dilettantistiche? Così appare dai documenti ufficiali. Dunque aveva un interesse diretto nella assegnazione del campo.

– E’ vero che i lavori al campo sportivo della Nave, da parte di una ditta che lavorava per conto di quello che poi sarebbe risultato l’affidatorio del campo, sono stati fatti ben prima della delibera di affidamento?  Dunque la società Arretium era a conoscenza con largo anticipo che il campo sarebbe stato affidato a lei e non ad altri.

– E’ vero che il comune ha sostenuto ingenti spese per la sistemazione del campo poco prima che il campo sportivo venisse affidato alla società Arretium sgravando così il concessionario di ingenti spese?

– Nel Regolamento Urbanistico questa zona e le aree limitrofe (di proprietà privata) era stato inserite dalla Giunta Agnelli come polo strategico con previsione di strutture ricettive e d’ intrattenimento. C’era forse l’intenzione di promuovere un intervento economico da parte di qualcuno nella zona? Il fatto desta qualche dubbio perché una volta che il concessionario del campo si è ritirato dalla Nave anche la zona strategica è stata depennata con una delibera, quasi che le due cose fossero collegate.

Per la Magistratura non vi sono reati, resta il fatto che questa vicenda presenta troppi punti oscuri che devono essere chiariti.

PARTITO DEMOCRATICO DI CASTIGLION FIORENTINO