L’Arezzo spadroneggia e poi si butta via in pochi minuti. Il Siena rimonta da 0-3 a 3-3

0

Ottantacinque minuti di dominio assoluto, con una sola palla gol concessa agli avversari (para Pelagotti su Gliozzi). Gli amaranto giocano bene, segnano con Serrotti, raddoppiano con Cutolo e firmano il tris con Rolando al debutto. Ma nel finale due rigori di Guberti e il sigillo di Arrigoni gelano il Comunale e regalano ai bianconeri un punto insperato.

E’ il giorno del derby. Dal Canto lascia in panchina tutti gli acquisti del mercato, compreso Remedi, e anche Basit, reduce dall’influenza. Rombo a centrocampo con Salifu, alla terza di fila da titolare, in regia. Modulo a specchio per Mignani, che inserisce Di Livio tra le linee. In attacco il tandem Gliozzi-Fabbro.

Bella la coreografia della sud, un omaggio alla maglia amaranto cambiata nel corso degli anni ma sempre amata. Duecento i senesi in curva ospiti. L’Arezzo batte il calcio d’inizio e aggredisce subito: Brunori dopo nemmeno trenta secondi scalda le mani di Contini con un sinistro a pelo d’erba. Poi Cutolo, al 4′, mette alto dal limite. Al 7′ altra bella percussione a sinistra: Sala crossa e Pedrellirespinge un po’ col fianco e un po’ col braccio. Robilotta lascia proseguire.

Mignani tiene la linea di difesa altissima e l’Arezzo trova spesso il tempo per attaccarla alle spalle. Brunori è una spina e D’Ambrosio al 9′ riesce a murarlo in extremis. Al quarto d’ora lampo bianconero: palla dentro di Di Livio per Gliozzi che parte sul filo dell’offside e si ritrova solo davanti a Pelagotti. Il portiere è bravissimo a respingere con il piede.

Le squadre sono molto corte, raccolte in trenta metri e molto simili nell’atteggiamento tattico. Gli amaranto la sbloccano al 20′ sugli sviluppi di una punizione calciata da Pelagatti. D’Ambrosio cicca il rinvio e consegna palla a Buglio, che premia l’inserimento a tutto gas di Serrotti. A tu per tu con Contini, l’11 non sbaglia: diagonale che gonfia la rete davanti alla sud e 1-0 Arezzo.

Gli amaranto tengono in pugno la partita, fanno girare palla con qualità e il Siena soffre. Poi, al 32′, arriva il raddoppio: lancio di Sala per Cutolo che scatta in posizione regolare, arriva davanti a Contini e lo uccella con un cucchiaio di classe. Raddoppio amaranto che fa esplodere il Comunale e la rabbia del Siena. L’assistente Mansi però non ha dubbi, convalida la rete e Robilotta ammonisce Vassallo per proteste.

E’ un monologo amaranto che per poco non frutta il tris. Buglio, su angolo di Cutolo, di testa la mette vicino al palo con Contini immobile. Poi Foglia manca il tiro a botta sicura dopo una percussione fin dentro l’area senese. Finisce così, con un primo tempo magistrale e il doppio vantaggio strameritato.

Mignani nell’intervallo toglie Vassallo, abbassa Di Livio in mediana e butta Aramu tra le linee. Il Siena prende il possesso ma l’Arezzo di ripartenza crea pericoli: al 5′ Cutolo per Brunori e diagonale un metro a lato. Nel frattempo comincia a piovere a dirotto. Al 12′ fuori Gliozzi, oggi così così, e in campo Guberti. Al 17′ cambia anche Dal Canto: applausi scroscianti per Cutolo e debutto per Rolando.

Il 23, dopo una palla recuperata con veemenza da Sala, si presenta con il pezzo forte del repertorio: uno contro uno su Rossi, doppio passo, allungo e diagonale con il destro che fulmina Contini. L’Arezzo va sul 3-0 e il derby si piega dalla parte amaranto. La squadra di Mignani prova a riaprirla subito dopo, ma Fabbro colpisce di testa troppo centralmente. Pelagotti respinge e Pelagatti completa il disimpegno mettendo in angolo. Come un gol per il difensore. Dal Canto rinforza la mediana con Remedi che rimpiazza un ottimo Buglio.

La partita si gioca quasi solo sui nervi ormai. Il Siena attacca senza troppa convinzione e Pelagotti deve metterci i guanti soltanto al minuto 33 su un tiro dai venti metri di Aramu. Arriva anche il momento di Benucci (fuori Foglia) e del croato Butic (fuori Brunori).

Il Siena riduce le distanze a cinque dalla fine: cross di Cianci, colpo di testa di Rossi e palla che sbatte sul braccio di Remedi. Per Robilotta è calcio di rigore e Guberti lo trasforma con freddezza, spiazzando Pelagotti. E’ il primo penalty trasformato in stagione contro l’Arezzo dopo tre tentativi falliti. Un derby che sembrava chiuso si riapre clamorosamente al 44′, quando Salifu stende Aramu un metro dentro l’area. Robilotta fischio il secondo rigore di giornata e Guberti lo trasforma in fotocopia. Ma il calcio è imprevedibile e in pieno recupero, su cross da destra, Arrigoni si ritrova la palla sul destro: diagonale sul palo lontano ed è 3-3.

Finisce così, con un pareggio incredibile in un derby dominato dall’Arezzo per 85 minuti. Come con l’Entella, fatali gli ultimi minuti in cui la squadra ha rimesso in partita gli avversari.

Stadio ”Città di Arezzo”, ore 16.30.

AREZZO (4-3-1-2): 22 Pelagotti; 16 Luciani, 6 Pelagatti, 26 Pinto, 32 Sala; 4 Buglio (24′ st 18 Remedi), 17 Salifu, 8 Foglia (35′ st 21 Benucci); 11 Serrotti; 9 Brunori (35′ st 27 Butic), 10 Cutolo (17′ st 23 Rolando).

A disposizione: 1 Bertozzi, 2 Zappella, 3 Sereni, 13 Basit, 19 Persano, 24 Burzigotti, 33 Borghini, 39 Belloni.

Allenatore: Alessandro Dal Canto.

Diffidati: 4 Buglio, 6 Pelagatti.

SIENA (4-3-1-2): 1 Contini; 27 Pedrelli, 5 D’Ambrosio, 13 Rossi, 3 Zanon; 8 Bulevardi, 4 Arrigoni, 25 Vassallo (1′ st 10 Aramu); 11 Di Livio (28′ st 7 Cesarini, 41′ st 16 Gerli); 9 Gliozzi (12′ st 6 Guberti), 18 Fabbro (28′ st 24 Cianci).

Varga, Zanon.

A disposizione: 22 Melgrati, 2 Varga, 14 Romagnoli, 20 Sbrissa, 23 Esposito, 26 Imperiale, 8 Chiossi.

Allenatore: Michele Mignani.

ARBITRO: Ivan Robilotta di Sala Consilina (Giuseppe Mansi di Nocera Inferiore – Giuliano Parrella di Battipaglia).

NOTE: spettatori presenti circa tremila. Ammoniti: pt 33′ Vassallo, 39′ Brunori. Angoli: 4-8. Recupero tempi: 0′ e 4′

RETI: pt 20′ Serrotti, 32′ Cutolo; st 19′ Rolando, 40′ e 44′ rig. Guberti, 47′ Arrigoni